Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
 
 
 
South Park

KENNY MCCORMICK

KENNY MCCORMICK Etą: 9 anni
Professione: Studente
Religione: Cattolica
Prima apparizione: Cartman Si Becca Una Sonda Anale
Ultima apparizione: Sconosciuta
 
È il cappuccio più simpatico della serie, e menomale che tiene quel cappuccio ben stretto, altrimenti chissà quali oscenità ascolteremmo! È il bimbo più povero di South Park, a casa sua si mangiano solo waffel congelati, ma non si sa il perché è sempre al passo dei suoi amici per possesso di videogames  e giochi, è il primo ad avere la PSP e l’unico a possedere una GO Go Action Bronco, la macchinina elettrica più veloce del west!

Ha un vocabolario sessuale molto ricco, tanto da meritare il titolo di perverso del gruppo, dovuto probabilmente a quanto ascoltato in famiglia o alle riviste porno che custodisce sotto il lettino, inoltre i suo amichetti si rivolgono a lui per dissipare ogni dubbio in merito.

Oltre al suo modo di parlare (o forse sarebbe meglio dire bofonchiare!?!?) Kenny è diventato famoso per la propensione a compiere le imprese più raccapriccianti in cambio di denaro, e questo a tutto divertimento dell’amico Cartman, che lo prende in giro per la sua povertà e la sfrutta a suo piacimento: ma di sicuro, quello che più lo contraddistingue è il fatto che usa spesso MORIRE!

Kenny muore infatti in ogni episodio fino alla quinta stagione, quando gli autori, stanchi di inventare nuovi modi per eliminarlo (cotto nel microonde, spiaccicato, mangiato dai topi) decidono di ucciderlo sul serio, con l’intenzione di lanciare come quarto del gruppo il biondo Butters.

A seguito della spropositata vendita di gadgets “incappucciati” lo faranno resuscitare definitivamente verso la fine della sesta stagione per poi ucciderlo solo occasionalmente (Oh mio Dio, hanno ammazzato Kenny! Brutti bastardi!). Ahh..forse non lo sapevate, ma Kenny è biondo!
 
Torna indietro
 
 
 
 
Tutti i marchi sono proprietą dei legittimi proprietari - SITO NON UFFICIALE